Mali di Stagione

Il pelo semilungo del Maine Coon non richiede cure particolari, poiché è idrorepellente, cioè rivestito da una cuticola che lo impermeabilizza e protegge l’animale dalle intemperie, a causa di ciò si impedisce al pelo di annodarsi e infeltrirsi.

Il gatto riesce a liberarsi da solo dei peli morti e a mantenere il mantello in ordine e pulito. Durante il periodo della muta, lo si può aiutare con un cardatore, un paio di volte alla settimana.

Quando gli fate il bagno dovrete avere cura di asciugare molto bene il pelo. Il mantello idrorepellente tende a trattenere l’umidità, quindi una frettolosa asciugatura potrebbe essere causa di fastidiosi raffreddamenti.

I principali problemi di salute all’interno della razza Maine Coon riguardano la presenza di problemi genetici che tuttavia interessano generalmente soltanto una minoranza dei Maine Coon.
Tali problemi possono essere sradicati tramite selezione attenta da parte degli allevatori.
Nel Maine Coon, i problemi di salute ereditari più comuni sono la displasia dell’anca, il rene policistico o PKD e la cardiomiopatia ipertrofica o HCM. La HCM è una patologia del muscolo cardiaco che causa ipertrofia (crescita eccessiva) o dilatazione del cuore.
Un gatto affetto da HCM potrebbe non presentare alcun sintomo di debolezza né apatia per lungo tempo ma essere colpito improvvisamente da una tromboembolia iliaca causata dal distacco di un coagulo. Il PKD è una malattia che implica la presenza di cisti nei reni già alla nascita e, tipicamente, in entrambi i reni. Con la crescita del gatto, le cisti aumentano (fino a superare i 2cm).
Quando le cisti occupano troppo spazio nel rene, il tessuto normale fuoriesce e il rene non è in grado di funzionare normalmente. I primi sintomi compaiono tra i 3 e i 10 anni e, talora, anche prima.
Il rene policistico, quando diagnosticato, è incurabile, sebbene il micio, con opportune terapie e trattamenti continuativi, possa vivere ancora a lungo.

Con l’arrivo della stagione fredda i nostri gatti, come noi, possono essere soggetti ai diversi mali di stagione .

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *